L’EXTRAURBANO RITORNI PER CORSO DEL POPOLO ALMENO NELLA FASCIA MATTUTINA

Dopo la soppressione del servizio avvenuta il 20 ottobre 2008, il mancato transito dell’extraurbano per Corso del Popolo (nella sola fascia mattutina) costringe centinaia di pendolari a dirottare alla fermata di Via Naccari e spesso ad anticipare la partenza per non arrivare tardi al lavoro o a scuola. E in vista dell’estate se non verranno create quanto prima delle corsie preferenziali, si ripeterà la vergognosa odissea delle linee dirette a Venezia/Cavarzere/Padova che negli anni scorsi impiegavano quasi un’ora per raggiungere Chioggia da Sottomarina.

CHIOGGIA (26/04/2010)  — Continuano i disagi per gli utenti del tpl, sotto accusa questa volta l’organizzazione dell’extraurbano in particolare durante le ore mattutine. Fino al 20 ottobre 2008 infatti (come riporta il cartello esposto nella ex-fermata di Chioggia Duomo, nella foto) le corse delle linee per Venezia/Cavarzere/Padova transitavano durante la fascia mattutina (05-07) per Chioggia Centro effettuando una fermata sul Ponte San Giacomo e una a Chioggia Duomo “raccogliendo” con maggior capillarità le centinaia di pendolari e studenti diretti fuori Chioggia.PICT1376.JPG E’ da 2 anni che è stato eliminato questo servizio, utile a molti, obbligando gli utenti a dirottare alla fermata di Via Naccari dove peraltro gli autobus arrivano sempre con 7/8 minuti di ritardo, cosa normale nelle ore di morbida, ma assurda nelle ore di punta, la corsa bis delle 7 del mattino diretta a Venezia, che parte dal deposito di Borgo San Giovanni, aspetta inspiegabilmente quella proveniente da Sottomarina prima di partire arrivando alla fermata di Via Naccari alle 7.15 invece delle 7.08, cosa che non succede per esempio per il bis delle 6.30 che transita in Via Naccari con 5 minuti di anticipo. Ad una richiesta di ripristino del percorso per Corso del Popolo, già inoltrata nell’aprile 2009, l’assessorato aveva risposto che ciò era (per le corse mattutine) impossibile in quanto nel Centro Storico di Chioggia vige il divieto di transito a tutti i mezzi aventi massa a pieno carico superiore ai 35 quintali. Una deroga a questo divieto risolverebbe tanti problemi per le ore di punta “alleggerendo” la fermata di Via Naccari (ora frequentatissima) e fornendo un servizio migliore e più intelligente agli utenti che abitano a Chioggia. PICT1377.JPGInoltre in vista della stagione estiva è importante non farsi trovare impreparati perché altrimenti con le lunghe code estive, i mezzi pubblici si intaseranno per il lungomare e Viale Mediterraneo impiegando da Sottomarina a Chioggia il tempo che normalmente ci si impiega da Sottomarina a Venezia; è urgente affrontare con serietà questo problema con la creazione di corsie preferenziali (per urbano ed extraurbano) in lungomare e Viale Mediterraneo, incentivando così inoltre l’uso del mezzo pubblico.
Ulteriori richieste si fanno sentire per l’urbano, il sig. Emanuele Tiozzo chiede di installare su qualche fermata un display elettronico per conoscere i tempi di attesa degli autobus e per conoscere in tempo reale eventuali variazioni ai servizi, e all’interno degli autobus un sistema acustico o visivo per indicare i nomi delle fermate a cui si scende. Rimane inoltre il vergognoso isolamento delle frazioni, nei festivi i servizi delle linee 3, 4 e 5 sono quasi inesistenti mentre nei feriali permangono buchi pomeridiani che dovrebbero essere aggiustati, non spostando le altre corse ma aggiungendo almeno una corsa per la linea 3 e la linea 5 rispettivamente verso le 14.30 e le 18.00 da Isola dell’Unione, si spera che si abbia il buon senso di risolvere questi problemi prima dell’inizio della stagione estiva, già alle porte.

L’EXTRAURBANO RITORNI PER CORSO DEL POPOLO ALMENO NELLA FASCIA MATTUTINAultima modifica: 2010-04-26T14:18:24+00:00da bus-chioggia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento