ACCORPAMENTO, UNICA VERA SOLUZIONE

vantaggi_accorpamento.jpgI candidati a sindaco si stanno affrettando a fare promesse e proclami sul futuro del trasporto pubblico, purtroppo nessuno ha ancora spiegato cosa intende fare delle linee periferiche e come migliorerebbe il servizio, ci sono solo promesse un po’ troppo generiche e demagogiche. Nel dettaglio vediamo invece come la tecnica dell’accorpamento, già sintetizzata qualche mese fa, riuscirebbe a risolvere l’isolamento delle frazioni allo stesso tempo salvaguardando le risorse.

CHIOGGIA (16/04/2011) — Più corse si, più corse no: mentre i candidati si affrettano a fare buon viso di fronte al problema della carenza di corse e all’attuale evidente malfunzionamento dei trasporti urbani, magari facendo promesse difficilmente realizzabili per chiari problemi di natura economica, i cittadini stanno facendo i conti con un servizio sempre meno funzionale alle loro esigenze a causa della scarsità di corse sulle linee 3, 4 e 5. DSC00497.JPGMa una delle soluzioni che potrebbe risollevare il trasporto locale, già sintetizzata in gennaio, sembra essere sempre di più la più idonea a mettere la parola fine all’isolamento delle frazioni. Il tutto prende spunto da una tecnica già adottata da Actv nel 2004, poi abbandonata perché mal strutturata, che se riorganizzata a dovere rappresenterebbe la chiave per ridare funzionalità ed efficienza al trasporto locale. La tecnica dell’accorpamento infatti, già adottata in altre realtà, parte dal concetto di eliminazione dei “doppioni”, cioè dei percorsi uguali effettuati da linee diverse, e prevede quindi che sugli stessi tragitti vengano unificate le linee. Per Chioggia, questa soluzione sarebbe l’ideale e nello specifico implicherebbe l’accorpamento delle linee periferiche con quelle circolari, ciò eliminerebbe ogni spreco e nel contempo incrementerebbe drasticamente il servizio offerto sulle frazioni. Nel dettaglio, di cui si riporta in calce a titolo esemplificativo un progetto dettagliato, le attuali linee 3, 4 e 5 sarebbero unite alle circolari 6 e 7, che grazie al loro attuale percorso permettono un naturale prolungamento del loro tragitto una volta giunte a fine corsa: la linea 6 partirebbe dal Corso del Popolo (oppure come attualmente dall’Isola dell’Unione), effettuerebbe il percorso della linea 6 fino alla fine, e giunta quindi in Campo Marconi proseguirebbe per Via Naccari e quindi verso le frazioni compiendo i tragitti delle 3 linee periferiche. Lo stesso bus,  di ritorno dalla rispettiva frazione, proseguirebbe come all’andata per il Porto, transiterebbe per Via Turati e da lì per Campo Marconi, da dove, effetuata un’evoluzione, continuerebbe sul percorso dell’attuale linea 7 terminando la corsa o all’Isola dell’Unione (come avviene attualmente) o in Corso del Popolo per agevolare ancora di più gli spostamenti tra Chioggia e Sottomarina (la seconda alternativa sembrerebbe la migliore e la più funzionale alle esigenze dell’utenza). In pratica si seguirebbe il percorso dei mezzi extraurbani, che di ritorno da Venezia o Padova, effettuano grosso modo lo stesso tragitto compiendo in pratica anche un tragitto urbano. In alternativa si potrebbe scegliere anche di effettuare la linea 7 all’andata e la linea 6 al ritorno, che in questo caso transiterebbero necessariamente per Corso del Popolo. Per effettuare questo servizio, servirebbero in tutto 6 autobus, più quelli necessari per coprire le corse scolastiche di rinforzo, che dovrebbero essere inserite per far coincidere gli orari di uscita/entrata dalle scuole, con quelli di partenza delle corse, visto che per realizzare l’accorpamento le corse partono necessariamente a distanza di 20 minuti, alternativamente per le varie frazioni. Con questo sistema, si otterrebbe 1 corsa all’ora per ogni linea periferica, come prima dei tagli del 2008, e si manterrebbero le tradizionali 3 corse all’ora per le linee circolari 6 e 7 (che si chiamerebbero 63, 64, 65 e 37, 47, 57). Per agevolare ogni decisione su questa strategia, è stato elaborato un progetto esemplificativo che indica dettagliatamente gli autobus necessari a coprire tutte le corse di una normale giornata feriale, compresi tutti gli orari di partenza dai capilinea, tenuto conto dei tempi di percorrenza adeguati per compiere tutto il tragitto della linea circolare più quella periferica. Si sottolinea però che questo schema è esemplificativo in quanto i tempi di percorrenza sono solo stimati e potrebbero variare se si compie uno studio più dettagliato. Si sottolinea anche che attualmente alcuni tempi di percorrenza per le linee 3, 4 e 5 sono palesemente errati, perché sovrastimano di molto il tempo necessario a compiere determinati percorsi, tenendo conto di tempi tecnici di sosta anche su fermate disperse in campagna, quasi mai utilizzate dall’utenza. Accade così, per esempio, che per la linea 3 da Civè a Chioggia sono programmati attualmente ben 40 minuti; quando in realtà in meno di 30 l’autobus è già giunto a destinazione. Uno studio dettagliato su questi tempi, riducendone alcuni, permetterebbe una migliore pianificazione delle corse e una migliore efficienza produttiva, evitando sprechi e tempi morti.

Di seguito si riporta a titolo esemplificativo un progetto dettagliato del servizio con l’accorpamento, comprendente gli autobus necessari a effettuare tutte le 6 linee (63, 64, 65, 37, 47, 57) e gli orari di partenza di tutte le corse (che prendono spunto dagli attuali orari di partenza delle linee 6 e 7, che resterebbero invariati). Gli orari tegono già conto indicativamente dei tempi di percorrenza necessari a compiere i percorsi delle nuove linee, ovviamente questo è solo un esempio e i tempi potrebbero variare da uno studio più approfondito. Il progetto tiene conto dell’effettuazione della linea 6 all’andata e della linea 7 al ritorno dalla frazione, questo per permettere di scegliere se far transitare i bus anche per Corso del Popolo o no, se si optasse per un transito per il Corso, si potrebbe anche scegliere di effettuare la linea 7 all’andata e la linea 6 al ritorno, che in questo caso transiterebbero necessariamente per il Corso del Popolo.
Questo il file in pdf che sintetizza il tutto:
SERVIZIO URBANO CHIOGGIA, PROGETTO DI ACCORPAMENTO
accorpamento.jpg

ACCORPAMENTO, UNICA VERA SOLUZIONEultima modifica: 2011-04-18T23:10:14+00:00da bus-chioggia
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “ACCORPAMENTO, UNICA VERA SOLUZIONE

  1. Non voglio deludere le aspettative di tanti citadini, ma mi pregio segnalare che come accade solitamente a livello politico, ognuno porta l’acqua al suo mulino (o per essere più chiari, ricerca “voti”), quindi certe cose il politico solitamente non le sa, o in determinati contesti, fa finta di non saperle.
    Purtroppo, o per fortuna (dipende dagli interessi che uno pone come primari) esistono delle normative europee per cui vi è una definizione di “centro storico”.
    Il rispetto delle disposizioni previste per poter utilizzare tale specifica definizione permette di ottenere dei lauti finanziamenti ed il fine, di tutto rispetto, è la salvaguardia delle bellezze culturali, e non solo; in parole povere la Comunità Europea dà dei Fondi al Comune affinchè questo salvaguardi il proprio “Centro Storico”.

    In particolare, nei “centri storici” deve essere prevista la completa pedonalizzazione, ed è quindi bandita ogni tipo di circolazione di mezzi (autobus, auto, moto, ecc).

    Ergo, al fine che i Comuni possano introitare tali finanziamenti europei, nel giro di qualche anno l’area del centro storico (tutto il corso del popolo) dovrà necessariamente essere COMPLETAMENTE PEDONALIZZATA……Di conseguenza si spera che venga dal cielo qualche politico o che ne sa qualcosa di più o non faccia finta di non sapere certe cose, o infine non esci con “sparate” varie.

    Un saluto a tutti.

    PS: ricordo tra le vecchie “sparate”: ma i famosi hovercraft che dovevano portare via mare a venezia previsti nelle precedenti elezioni che fine hanno fatto??ed il famoso trenino che faceva il giro del modo per Adria fino a mestre???Un fallimento!…

    meditate gente…meditate..e se potete, il giorno delle elezioni andate a fare un bel giro al mare con la famiglia e gli amici … tanto ormai NON CAMBIA PIU’ NULLA dx e sx sono uguali e gli interessi in gioco sono talemente tanti che non vale più la pena di andare a votare nemmeno il candidato che si può considerare il “meno peggio”.

  2. SIGNORI QUI SI FA INTA DI NON SAPERE CHE IL GOVERNO HA TAGLIATO DEL 30% I FONDI AL TRASPORTO PUBBLICO E ALLORA E ‘ INUTILEFARE DISCORSI UTOPISTICI.. ILLUDERE LA GENTE ACTV AVANZA PIU’ DI 13 MILIONI DAL COMUNE….E SOLDI NON CE NE SONO PIU’….SAPETE QUANTO FA UN BUS CON 1 LITRO DI GASOLIO???

Lascia un commento