QUELL’INCOGNITA CHIAMATA “SETTEMBRE”

Sta per avvicinarsi la stagione autunnale, settembre è alle porte, ma il Comune è pronto a soddisfare la domanda di trasporto che con l’avvio delle scuole si intensificherà e richiederà una rimodulazione del servizio offerto?

CHIOGGIA  (25/08/2009) —    Le scuole stanno per iniziare e molti studenti potranno avvalersi del servizio pubblico per raggiungere gli istituti di istruzione, e molti giovani abbandoneranno il motorino per usare l’autobus, ma la città saprà reagire a questo impulso?

Forse l’incognita chiamata “Settembre”, che si caratterizza per il consueto passaggio dal servizio estivo a quello invernale, quest’anno è resa ancora più “torbida” dall’avvio di qualche cantiere nel centro storico che potrebbe modificare forzatamente i percorsi delle linee urbane.

Ma quello che c’è di certo, dopo le numerose lamentele, segnalazioni e malumori diffusi è sicuramente la necessità in primis di un rafforzamento delle corse delle linee delle frazioni decentrate ma anche di un potenziamento delle circolari sperimentando qualche corsa in più nella fascia serale.

Seconda questione, le famigerate “Navette”: cavallo di battaglia dell’assessore Gian Paolo Convento, ma odiate dalla popolazione clodiense tanto da aver obbligato giovani e ragazzi a rinunciare a servirsi del mezzo pubblico per i noti problemi causati dai tempi di percorrenza eccessivi, gli anziani possono tollerare, i ragazzi purtroppo non ci pensano due volte e pur di fruire delle “Navette” salgono in sella a ciclomotori e sfrecciano per le vie del centro andando ad intasare strade, parcheggi selvaggi e ad alimentare l’inquinamento atmosferico.

Chissà fino a quando si continuerà di questo passo… ci sarà bisogno di una manifestazione popolare? Oppure si potrà contare nel buon senso dell’amm.ne comunale che per tempo ovvierà al disagio causato dalle “Navette” e potrà quindi reinserire le linee circolari per il centro storico?

Di certo c’è solo che prima si interverrà meglio sarà, per tutti. Se il centro storico dovesse essere interrotto a causa dei cantieri si spera che questa “pausa” possa servire a far chiarire meglio le idee agli amministratori pubblici che sembra, fino adesso le abbiano avute sempre poco chiare con delle realtà per “conto loro” senza capire le reali necessità della gente.

Per nostro conto, le cose che suggeriamo sono precise e molto chiare:

-In primis, dopo l’aumento delle corse delle frazioni, indispensabile e fondamentale, servirà potenziare tutte e 4 le circolari, visto e considerato che sono molto usate dall’utenza e si dovrà quindi inserire qualche corsa notturna istituendo magari una circolare “Notturna” con un percorso ad hoc con corse almeno fino all’una di notte che potrebbe slittare alle due/tre per i giorni prefestivi, incentivando così i giovani all’uso del mezzo pubblico per raggiungere i locali di intrattenimento e di svago notturni.

-Eliminare la linea “Navetta Lusenzo” e ritornare quindi al vecchio sistema delle circolari a capolinea unico che transitano per il centro storico. Nel caso in cui il centro venisse interrotto completamente dai cantieri tenere questa la soluzione per la fine dei lavori.


QUELL’INCOGNITA CHIAMATA “SETTEMBRE”ultima modifica: 2009-08-26T22:18:09+02:00da bus-chioggia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento